venerdì 3 marzo 2017

... un inverno più lungo del previsto

lungo, lunghissimo inverno con giornate più fredde e altre più miti... un corri, corri tra ufficio e  famiglia... un lungo autunno e, a seguire, un ancor più lungo inverno, che quest'anno sembrava non finire mai... in cui tante cose sono accadute... alcune più belle, altre meno... ma tutte parte di me...
ricordo con piacere il tepore degli ultimi giorni d'estate dal rientro dalle vacanze, in cui mi piaceva attardarmi il pomeriggio in giardino, tra gli ultimi raggi di sole... che giorno dopo giorno diventavano sempre più freddi.
e il settembre è volato... pensando alle vacanze appena finte, al piacere di assaporare la prima lana della stagione e alla voglia che arrivasse l'autunno che, a casa mia, ha sempre il sapore di marmellate fatte in casa...

poi, all'improvviso, quasi senza accorgermene, è arrivato ottobre... con le sue giornate frizzantine... e allora, come tutti gli anni, ci è venuta voglia di cioccolata calda e di pane fatto in casa... quello alla zucca, che ai miei bambini piace tanto... e poi ancora dolcetti di cocco per il thè delle cinque e pasticcini la domenica mattina per viziarci un pò...

e poi, subito dopo, novembre... dove siamo riusciti a concederci una bella gita di quattro giorni in Romagna, terra che ci accoglie sempre generosa... e una volta tornati? buttarsi a capofitto a preparare i miei manufatti da regalare ad amici e amiche a Natale... e il forno che andava per ore, mentre essiccava i sali aromatizzati... e il preparato per cioccolata, rigorosamente handmade, per i più golosi...  

e alla fine... Natale... il periodo dell'anno che amo di più... da trascorrere in famiglia, in quelle serate gelide, davanti al camino, con l'albero acceso... e pasticciare con carte colorate e nastri, per preparare i pacchetti... e scartare ogni mattina un piccolo pacchettino, per ricordare che il giorno più magico si avvicina... e tentare l'impossibile, preparando il panettone, trascorrendo ore in cucina a guardarlo lievitare... o sperimentare nuove ricette, come le polpettine abruzzesi, da servire per il pranzo di Natale... e vedere la casa riempirsi di lucine...

e anche Gennaio, poi, è volato... un mese istrionico, dal vento gelido che ti sferza il viso e fa rabbrividire... che ci ha accompagnato in qualche giorno di meritato riposo in Camargue... in teatro, a vedere 'i legnanesi' che sempre ci piacciono e nella ripresa di qualche lavoretto manuale... 

Febbario, invece, è stato il mese delle lunghe passeggiate con Harlock, libero di correre nelle nostre amate campagne, dove il Naviglio scorre lento in paesini senza tempo...


e via... in fondo anche questo lungo inverno è giunto al termine... e oggi 3 di marzo, anche se guardo fuori e piove, sono consapevole che sta arrivando la primavera... che tornerà presto quel tepore che mi spinge ad uscire in giardino e a farmi abbracciare dai raggi del sole... a passare ore sulla sdraio a progettare nuove idee in compagnia delle mie migliori amiche...
stoffe, lane e farine... 
perché a queste tre cose proprio non ci so rinunciare...
un grosso abbraccio, 
con affetto, 
Cristiana