lunedì 23 settembre 2013

per il primo freddo... poncho e borsa di lana!!!

ciaooooo,
oggi un post che mi tocca molto da vicino!
eh si, perchè questa sono io
che ho lavorato tutta l'estate a maglia per finire il poncho e la borsa prima dell'arrivo del primo freddo.
Per queste foto (bellissime!) devo ringraziare la mia carissima amica Elisa, che come potete vedere è un'ottima fotografa...

Per confezionare i miei lavori ho utilizzato come sempre Lana Merino (che è quella che preferisco... è morbidissima e non lascia pelucchi in giro), lavorando con i ferri circolari del n.ro 4. I gomitoli erano da 50 gr. (125 mt. circa di filato per gomitolo) e ce ne sono voluti circa 9 per terminare entrambi.
Di solito lavoro a maglia rasata perchè onestamente è quella che preferisco.
Non so... questo tipo di maglia mi dà sempre l'impressione di essere molto ordinata e poco chiassosa.
Per la borsa ho utilizzato bottoni, palline e manici di legno chiaro perchè mi sembravano quelli che si abbinavano meglio a questo bel grigio. Inoltre ho acquistato un nastro di pelle di camoscio tono su tono per abbellirla ulteriormente.
Per rivestire la borsa internamente mi sono procurata questa bella stoffa di Tilda (l'ho comprata all'HOBBYCRAFT questa estate in UK e sinceramente in Italia non saprei dove trovala. Può essere, però, acquistata on line sul sito della PANDURO HOBBY).
Chiaramente per dare alla borsa la forma desiderata ho proceduto a stabilizzare la maglia di lana con l'interfacing.
Anche il poncho è stato completato con questi comodissimi bottoncioni di legno chiaro e con il nastro di pelle di camoscio.
Devo riconoscere che è stato un lavoro abbastanza lungo, anche se lavorando con i ferri circolari tutto mi è sembrato molto più celere.
Onestamente io ci ho messo più di due mesi a terminare il lavoro a maglia, ma devo ammettere che, alla fine, ero realmente molto soddisfatta!
Anche perchè qui a Milano alla mattina inizia a fare freschino e quindi sono due capi d'abbigliamento che sto già utilizzando.
I modelli del poncho e della borsa sono di mia invenzione.
Però se qualcuno volesse tentare l'impresa sarò ben felice di condividere i miei schemi (purchè venga sempre citata la fonte in caso di pubblicazione....
grazie!
Ritengo che le opere d'ingegno debbano continuare ad appartenere a chi le ha inventate!!!!!).
E con questo ho terminato.
Di nuovo ringrazio la mia amica Elisa per le splendide foto (si vede che ci mette amore in quello che fa!) e vi saluto calorosamente.
Ci vediamo nel prossimo post,
un bacione